fbpx Passa al contenuto

Menu

News

Realtà aumentata by Raymarine. Non una semplice telecamera.

aprile 6, 2020

“Le macchine mi colgono di sorpresa con grande frequenza.”
Alan Turing da “Computing Machinery and Intelligence”, 1950, di Alan Turing

Andare in barca è una cosa seria, cioè, andare in mezzo al mare con una barca richiede competenza, preparazione, e consapevolezza. Ogni aiuto che la tecnologia può offrire deve essere esperito per consentire al comandante/armatore di gestire la navigazione e la vita di bordo nel massimo comfort e relax per tutti i suoi ospiti.

Uno degli aspetti cruciali della navigazione è l’orientamento, fondamentale per approcciare i porti, evitare le secche, destreggiarsi nel traffico estivo delle zone più frequentate. Essenziale per orientarsi è riconoscere i luoghi, traguardare i punti cospicui, trasferire sulla carta nautica ciò che il panorama ci mostra, e identificare nella visuale ciò che è un ostacolo transitorio anche se scortoin lontananza.

 

Absolute ha accolto molto favorevolmente la proposta di Raymarine che semplifica – anzi automatizza l’identificazione visuale di fari, boe, navi, e ogni altro oggetto significativo sia attorno a noi. La novità 2020 Absolute 47 Fly presentata al recente salone di Cannes, e poi di nuovo a Düsseldorf e Miami, implementa la realtà aumentata sviluppata dalla casa che più di ogni altra – per tradizione e grazie all’integrazione con FLIR – sa sfruttare il connubio di chartplotter e telecamere.

In apparenza potrebbe essere banale: installare una telecamera con visione frontale e proiettarne l’immagine nel display della consolle con l’aggiunta delle indicazioni testuali che identificano gli oggetti salienti (come detto sopra, fari, porti, navi, altre barche, boe, ecc…). Ma non è affatto banale.

Per ottenere una schermata affidabile e di immediata lettura occorre stabilizzare l’immagine, elaborarne i contenuti con la giusta dose di intelligenza artificiale (quanto basta per “capire” che un certo grumo di puntini sullo schermo è un faro – o una nave), stimarne la posizione, e rintracciare nella mappa la sua identità, ovvero interrogare il ricevitore AIS nel caso di naviglio equipaggiato del relativo trasmettitore. Ecco, non è proprio un gioco da ragazzi, e Raymarine ha realizzato il sistema di realtà aumentata superando tutte le sfide tecnologiche necessarie.

Absolute ha adottato la realtà aumenta di Raymarine con entusiasmo: senza ridurre la necessità di una conduzione attenta e prudente, questo sistema accresce la consapevolezza del comandante poiché semplifica l’orientamento riducendo i tempi di consultazione delle carte nautiche, circostanza molto apprezzabile quando le condizioni ambientali o il traffico circostante non permettono distrazioni.

Absolute è sempre fortemente motivata nel proporre un’esperienza di navigazione e di vita a bordo al massimo grado del comfort e della sicurezza: la realtà aumentata è un nuovo tassello nella costruzione di barche in grado di supportare sempre meglio questo obiettivo.

Share

shareCreated with Sketch.